Minassian, dal Libano la grande testimonianza di unità tra i cristiani (Vaticannews.va 19.01.22)

I cristiani sono “dispersi sulla terra e caduti nel tumulto dell’egoismo individuale e collettivo”, dimenticando il loro Signore. Sono state parole ferme quelle pronunciate dal patriarca armeno-cattolico Raphaël Bedros XXI Minassian nell’aprire, domenica scorsa, nella cattedrale dei Santi Elia e Gregorio a Beirut, la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani.

Profonde ferite impediscono l’unità

Il patriarca ha sottolineato la sofferenza che ancora oggi le Chiese cristiane vivono per “ferite profonde e dolori strazianti, causati dai secoli”, ha invocato l’unità voluta da Dio Creatore e sollecitato il ritorno alla preghiera. Ad ascoltarlo, per la prima volta uniti per tale occasione, patriarchi, vescovi, sacerdoti, rappresentanti delle Chiese cristiane del Paese, tra loro il patriarca dei maroniti, il cardinale Béchara Boutros Pierre Rai, il patriarca dei melchiti, arcivescovo Youssef Absi, il patriarca siro-cattolico di Antiochia Youssef Younan, il nunzio apostolico in Libano, monsignor Joseph Spiteri.

Le meditazioni proposte per la Settimana

Quest’anno le meditazioni prendono spunto dal tema scelto dal Consiglio delle Chiese del Medio Oriente, con sede proprio a Beirut, e tratto dal Vangelo di Matteo: “In Oriente abbiamo visto apparire la sua stella e siamo venuti qui per onorarlo”:

Ascolta l’intervista con Sua Beatitudine Raphaël Bedros XXI Minassian

Sua Beatitudine, “il Cristo cattolico non è diverso dal Cristo ortodosso”: questo è stato un significativo passaggio della sua riflessione per la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, in cui lei ha sottolineato come, contro le divisioni, sia necessario tornare all’arma della preghiera. È ciò che serve per trovare l’unità?

Prima di tutto vorrei dire che questa frase, il Cristo cattolico è lo stesso del Cristo ortodosso, l’ho sentita dalla mia mamma, un’orfana del genocidio armeno. Era il 1956, nel villaggio c’erano solo due chiese, per caso lei assistette alla Messa in una chiesa siro-ortodossa e per questo venne criticata: “Come mai sei sposata ad un cattolico e vai in una chiesa ortodossa?” La sua risposta fu: “Che differenza c’è? Cristo non è lo stesso di quello ortodosso?”. Se riflettiamo profondamente sull’unità della Chiesa, troviamo che Cristo è il centro della nostra vita, sia nella Chiesa ortodossa, sia nella Chiesa cattolica. Non dobbiamo punire Cristo! Questo è il punto che mi tortura. È vero che noi uomini non siamo d’accordo fra di noi, ma così puniamo nostro Signore che è il nostro Salvatore, che ci ha salvati tutti, quindi, praticamente, è questo il primo senso dell’unità: che Cristo è qui e là, e questo come primo punto. Secondo: l’unica cosa che ci avvicina l’uno all’altro è la preghiera, perché che cosa è la preghiera se non un dialogo con il mio Salvatore, con Dio? E allora quando gli chiederò o racconterò una cosa, lui mi guarderà bene negli occhi e dirà: a te io ho consegnato la mia Chiesa, cosa stai facendo? Perché questa divisione? E quale sarà la mia risposta, se non chiedere perdono e invitare mio fratello che è separato? O anche viceversa, che sia lui a chiamarmi ad andare insieme nella preghiera, per mostrare a Dio che ci siamo assunti questa responsabilità di salvaguardare la sua istituzione divina che è la Chiesa universale.

Il tema di quest’anno della Settimana fa riferimento ai Magi, rievoca la loro esperienza nel seguire la stella per trovare e onorare il Bambino. Perché si parte da questa riflessione scelta dalle Chiese del Medio Oriente?

Io penso che il tema scelto sia veramente reale, perché oggi i Magi siamo noi, siamo alla ricerca vera di Cristo, di Gesù Bambino, del nostro Creatore, che ha tralasciato la sua dignità divina per scendere e incarnarsi, che ha vissuto con noi e per noi, per salvarci e per riconciliarci con il Padre. Quindi, praticamente, siamo i Magi sotto la luce di questa stella, luce che è data dal Creatore per illuminare la nostra strada, per arrivare alla meta che è Cristo, suo Figlio unigenito. Siamo noi quei Magi che, alla ricerca di questa via, di questa verità e di questa vita, camminano sotto la luce che ci ha dato il Signore tramite la Chiesa.

Papa Francesco, all’Angelus di domenica scorsa, ha ricordato come i cristiani siano pellegrini in cammino verso la piena unità. Li ha invitati ad offrire le fatiche e le sofferenze e li ha sollecitati a tenere lo sguardo fisso su Gesù per avvicinarsi sempre più alla meta. Cosa ha impedito finora ai cristiani di arrivare a questa unità? È un ostacolo che ancora è presente?  

Direi di sì, perché il nostro peccato è sempre davanti a noi, davanti ai nostri occhi: il nostro egoismo. Noi possiamo parlare, dire e presentare tante belle intenzioni per qualsiasi iniziativa, ma in realtà siamo lontani l’uno dall’altro, perciò tutti questi sacrifici, questi mali, che noi sopportiamo e offriamo al nostro Signore, come dice il Papa, sono mezzi, così come il sacrificio che veniva presentato a Dio nell’Antico Testamento. Tutti i nostri dolori, tutte le nostre sofferenze, sarebbero un dono per ricevere una grazia, perché noi siamo consapevoli della nostra debolezza umana, perciò chiediamo al Signore di aiutarci ad avere il coraggio di dimenticare noi stessi e vivere per l’altro. Quindi, c’è questo sacrificio di cui parla il Santo Padre, a cui va aggiunta la preghiera. Dobbiamo chiedere al Signore e chiarire davanti a lui, umilmente: io sono peccatore, io sono debole, chiedo l’aiuto per aprirmi a mio fratello e accettarlo, così come prego anche per lui, che abbia questo coraggio di guardarmi, e così, guardandoci l’un l’altro, ci avvicineremo per amore del terzo che è l’essenziale, il punto centrale della nostra vita, la nostra meta, e il futuro, che è Cristo.

Come è stata vissuta in Libano, domenica scorsa, l’apertura della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani?

Durante la mia riflessione, alla presenza di tutti i patriarchi, vescovi, sacerdoti, rappresentanti di tutte le Chiese, il punto al quale volevo arrivare era fare chiarezza sul fatto che noi, in questo secolo, non arriviamo ancora a metterci accanto l’uno all’altro. In Libano, invece, questa volta, e penso che sia stata la grazia del Signore, c’è stata una risonanza molto ampia, in tutte le comunità e molto positiva nel Paese, e ringrazio Dio per questa luce e per questa unità. L’invito era a tutti quanti e il fatto che siano venuti è di per sé già una grazia, per molti motivi, come quelli che impediscono il movimento in questo Paese. Noi non abbiamo invitato la gente, ma i fedeli c’erano, noi avevamo invitato soltanto il clero e i rappresentanti di tutte le Chiese presenti nel Libano ma, a parte loro, sono venuti anche altri. Tutti voi conoscete la situazione in Libano e la sofferenza ingiusta che vivono i libanesi, per questo io considero un miracolo l’essere venuti tutti, una presenza del Signore nella nostra vita e, forse, una testimonianza per gli altri.

Armenia. Lettera aperta alla senatrice Papatheu (genteeterritorio.it 18.01.22)

L’autore della seguente lettera aperta, già manager del Gruppo Ferruzzi e della Philip Morris, ha scritto, tra gli altri, “I tre circoli del potere” (in edibus), libro inchiesta sugli anni di tangentopoli.

 

Lettera aperta alla Senatrice Urania Giulia Papatheu (Forza Italia) la quale ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Roma, 14 gennaio 2022 – 10:33 – (Agenzia Nova) – “Lancio un appello a tutti i parlamentari, nazionali ed europei, affinché le provocazioni da parte dell’Armenia al confine di Stato con l’Azerbaigian non scatenino una escalation di violenze. Un silenzio, quello da parte del mondo politico ed anche della stampa, semplicemente assordante“. Lo afferma in una nota la senatrice di Forza Italia e vicepresidente della commissione Cultura all’interno della delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare dell’Iniziativa centro europea, Urania Papatheu. “Provocazioni che hanno portato alla morte di un giovane soldato dell’Azerbaigian, impegnato a fare solo il suo dovere. Ecco perché non possiamo permetterci un altro sanguinoso conflitto – continua la parlamentare di FI -. Naturalmente, sono molto onorata di fare parte del gruppo interparlamentare di amicizia con l’Azerbaigian, grazie al quale ho apprezzato gli sforzi delle autorità di Baku per arrivare ad un processo di pacificazione con l’Armenia“. (Com) ©️ Agenzia Nova.

—————————

 

Senatrice Papatheu,

Con enorme dispiacere e immenso dolore leggo del Suo appello alla comunità internazionale, nonché a media e organizzazioni politiche, al riguardo delle cosiddette “provocazioni armene”: gli armeni non sono – né mai lo furono nel corso di ventotto secoli – istigatori, provocatori né carnefici… ma bensì le vittime di una storia che coinvolge tutta l’umanità. “L’assordante silenzio” (parole Sue), cui Lei fa accenno, non è quello nei confronti degli azeri ma è, invece, il silenzio assordante che da oltre cento anni avvolge e ignora la tragedia Armena.

Il Suo intento a incitare il “mondo” verso un cammino di pace è sicuramente dettato da nobili intenzioni – nonostante il noto proverbio sulle buone intenzioni e le strade che con esse si lastricano – ma, nel contempo, temo che il Suo appello difetti anche di una prospettiva storica fondamentale per capire i problemi dell’Armenia e del suo popolo.

Qui occorre fare accenno rapidamente a due diverse catene di eventi: (A) Anatolia Armena; e (B) il caso Nagorno-Karabakh.

La prego di avere la pazienza di leggere i fatti qui sotto esposti in ordine cronologico, altrimenti alcuni eventi attuali – se tolti dal grande fiume della Storia – non si comprendono, restando invece avulsi dalla realtà attuale.

A) Armeni e Anatolia

  • 1) Il popolo armeno si insediò in Anatolia nel VII secolo A.C. (attenzione, sì, ho detto proprio… Avanti Cristo);
  • 2) I turchi invasero l’Anatolia armena nel XI secolo D.C. (cioè ben 18 secoli da quando gli armeni vi abitavano senza mai aver fatto guerra ad alcun popolo);
  • 3) A partire dall’inizio del XX secolo gli armeni sono stati oggetto (da parte dei Turco-Ottomani) del genocidio più crudele e raccapricciante della storia dell’intera umanità. Ciò è sotto gli occhi di tutti e sono tutti fatti assolutamente innegabili e comprovati (incluso il libro con fotografie e testimonianze di Armin T. Wegner edito dalla Guerini e Associati);
  • 4) Le comunità internazionali, inclusa ahimè l’Italia, hanno prima illuso e poi abbandonato gli armeni, tradendo la parola data. Anche qui si tratta di eventi storici e inconfutabili, ossia:
      • a. Il 10 agosto 1920 il trattato di Sèvres (firmato dalle potenze vincitrici della prima guerra mondiale e dagli Ottomani) stabiliva la costituzione di un grande stato Armeno (più del doppio di quello attuale), nonché quello del Kurdistan, mentre l’impero Ottomano (Turchia) avrebbe avuto solo la metà occidentale dell’Anatolia.
      • b. Il suddetto trattato, per debolezza e inerzia delle potenze Europee e degli USA non fu mai applicato, lasciando invece strada alla rivolta turca guidata da Mustafà Kemal Atatürk. Tutta la comunità internazionale, in quei tre anni di eccidi, chiuse gli occhi!
      • c. Il 24 luglio del 1923 la Turchia (non più chiamata Impero Ottomano) firmò il trattato di Losanna che – di fatto – accoltellava alla schiena le promesse europee e americane fatte ad armeni e kurdi: fu costituita una piccola Armenia (quella attuale), niente terre ai kurdi, lasciando invece ai turchi territori che avevano sottratto agli armeni dopo averli derubati e sterminati.
      • d. Tra l’altro, visto che il Suo nome è greco… sappia che nell’intervallo di tempo fra i due trattati, centinaia di migliaia di greci furono trucidati dai turchi mentre, quelli che poterono, fuggirono dai loro insediamenti secolari dell’Anatolia occidentale (sul Mar Egeo, per intenderci).
  • B) Armenia e il Nagorno-Karabakh
    • 1) La storia di questa regione Caucasica è molto antica e complessa, per cui non se ne può fare un sunto in questa sede. Tuttavia, La invito a leggere anche la semplice pagina di Wikipedia (la più riassuntiva e lineare che si trovi in Internet) che le allego qui sotto;
    • 2) Nel 1923 Stalin, odiatissimo sia da azeri che da armeni, decise che il Nagorno-Karabakh sarebbe stato parte dell’Azerbaijan nel suo personale disegno dei confini delle repubbliche Sovietiche, un po’ come fecero Inghilterra e Francia nel tracciare arbitrari confini in Medio Oriente dopo la disgregazione dell’impero Ottomano. Tuttavia, da sempre il Nagorno-Karabakh era armeno e abitato da etnie armene;
    • 3) Il 20 febbraio 1988, il Consiglio Nazionale del Nagorno-Karabakh votò per rimanere con l’Armenia, staccandosi dall’Azerbaijan;
    • 4) Il 27 febbraio 1988 si scatenò la caccia agli armeni da parte degli azeri che terminò con un massacro di un centinaio di persone (armene);
    • 5) Il 30 agosto 1991, a seguito della disgregazione dell’URSS, l’Azerbaijan costituì la propria repubblica, decidendo unilateralmente, di abolire lo statuto autonomo del Karabakh;
    • 6) Il 10 dicembre 1991 nacque la Repubblica del Nagorno-Karabakh (Artsakh), poi il 6 gennaio 1992 (dopo le elezioni locali) venne proclamata la Repubblica Artsaks e, infine, il 31 gennaio 1992 cominciarono i bombardamenti da parte degli azeri.
    • 7) È quindi a partire dal gennaio 1992 che occorre risalire per inquadrare le recenti vicende: le prime ed estese provocazioni – anzi, veri e propri atti di guerra con i bombardamenti – sono stati intrapresi dall’Azerbaijan. Dunque, ancora una volta, come nel caso dell’Anatolia e dei turchi, gli armeni sono le vittime e non gli aggressori. Il perché è presto spiegato:
      • i. Per la stragrande maggioranza, il Nagorno-Karabakh è popolato – come detto più sopra – da armeni, i quali sono cristiani;
      • ii. L’Azerbaijan è musulmano, come il suo alleato Turchia: per entrambi tali stati la distruzione del popolo armeno (cristiano) è tuttora la sacra missione finale per il controllo della regione Caucasica;
      • iii. L’Azerbaijan è tutto fuorché una democrazia: l’attuale presidente Ilham Aliyev, figlio del primo presidente Heydar Aliyev, il quale ha mantenuto il potere con la frode elettorale del 2003, è azionista maggioritario di tutte le banche, delle società di costruzioni e telecomunicazioni del paese, nonché delle compagnie energetiche (gas e petrolio) dell’Azerbaijan. Le sue fortune sono nascoste in paradisi fiscali, come ogni buon dittatore che si rispetti, in modo da poter sbeffeggiare e doppiamente danneggiare i propri cittadini (in questo caso dovrei dire sudditi… sic!);
      • iv. Le vorrei anche segnalare che a Baku vi è il cosiddetto “parco dei trofei” ove si coltiva e si fa proliferare l’odio etnico contro gli Armeni;
      • v. La Turchia è una dittatura pura e semplice (mi pare che anche il Presidente Draghi lo abbia pubblicamente detto senza alcuna remora) ed ha il secondo esercito più grande del mondo, mentre i cittadini di Erdoğan soffrono la fame.

Occorre guardare alla realtà, ossia la foto di oggi, nel contesto del film storico che dura da quasi tre millenni per comprendere la dannazione degli armeni! Azerbaijan e Turchia sono due stati oppressivi – mascherati da democrazie con elezioni pilotate e fasulle – il cui scopo ultimo è la cancellazione dell’Armenia e degli armeni dalla faccia del pianeta.

Viene il dubbio che Lei, forse, non sia al corrente del fatto che circa 40 km quadrati del territorio Armeno sono, a tutt’oggi, occupati dai militari dell’Azerbaijan. Quindi, parlare di “provocazioni armene” per scontri avvenuti tra armeni e soldati azeri posizionati all’interno (occupazione) del confine sovrano dell’Armenia è tanto falso quanto meschino. Non oso immaginare da quali fonti Lei abbia ricevuto le Sue informazioni. Tuttavia, le Sue affermazioni suonano più come un megafono propagandistico a favore di Baku, o dettato dalla politica espansionistica del duo Azerbaijan-Turchia, che quelle di un Membro del Gruppo Interparlamentare per l’amicizia dell’Azerbaijan di cui Lei fa parte. In effetti… stupisce, rattrista, preoccupa.

Signora Papatheu…

  1. Lei che è nata in un Paese democratico come l’Italia, Lei Senatrice che rappresenta un partito di centro e moderato come Forza Italia, davvero pensa che dando, o contribuendo a dare, credibilità alle mire dittatoriali e filo-genocide dell’Azerbaijan e della famiglia Aliyev… sarebbe in linea con i princìpi e valori dell’umana convivenza democratica quali rispetto, verità e giustizia?
  2. Davvero Lei non considera il rischio elevatissimo che questi Suoi appelli altro non faranno che legittimare la dittatura di Ilham Aliyev e le sue mire di eradicazione del popolo Armeno in buona compagnia con Racep Tayyip Erdoğan, fornendo inoltre informazioni errate e distorte ai Suoi elettori?
  3. Le Sue insinuazioni sulle “provocazioni armene” stupiscono ancor di più, visto e considerato il Suo delicato ruolo di vicepresidente della Commissione Cultura all’interno della delegazione italiana presso l’Assemblea Parlamentare dell’Iniziativa Centro Europea. Ai miei tempi storia e cultura andavano a braccetto: conoscere la Storia faceva parte integrante della cultura. Forse oggi non più? Faccio fatica a crederlo…

Le allego qui, sotto la mia firma, una serie di links dove potrà trovare molte altre informazioni sulle questioni Armena e del Nagorno-Karabakh.

Temo, purtroppo, che Lei non avrà il tempo e la pazienza di leggere questa, e nemmeno i contenuti degli articoli allegati.

Se invece lo farà, avrà certamente modo di cogliere meglio “l’assordante silenzio” con cui noi europei, unitamente agli americani, da oltre un secolo ignoriamo la tragedia del primo popolo cristiano del pianeta.

Grazie dell’attenzione e cordiali saluti

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_del_Nagorno_Karabakh

https://www.bbc.com/news/world-europe-54324772

https://www.tempi.it/i-turchi-uccidono-gli-armeni-e-leuropa-si-volta-di-nuovo-dallaltra-parte/

https://www.tempi.it/a-baku-ce-perfino-un-parco-dei-trofei-dove-si-coltiva-lodio-verso-gli-armeni/

https://lanuovabq.it/it/perche-turchi-e-azeri-attaccano-il-nagorno-karabakh-armeno

https://www.firstonline.info/armenia-su-nagorno-karabakh-azeri-e-turchi-caccino-i-terroristi/

Vai al sito

Patriarca armeno: superare gli ‘egoismi’ per una vera unità dei cristiani (Asianews 18.01.22)

Inaugurata a Beirut la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. Nel suo intervento il primate ha attaccato le divisioni che ancora permangono nella Chiesa. Si viene a perdere il vero significato del sacrificio della croce. Lavorare per l’unità, non “trascinare gli altri verso i propri principi”.

Beirut (AsiaNews/LOJ) – L’ecumenismo è l’atto di redenzione di una precedente rottura. Esso non esiste altro che per rispondere alla preghiera sacerdotale di Cristo: “Che tutti siano uno”, e svanire. Il tema delicato dell’unità della Chiesa si presta spesso a discorsi educati alla cortesia formale. Ma non è questo il caso e il tono scelto dal patriarca armeno-cattolico Raphaël Bedros XXI Minassian per affrontare, ieri sera, la questione in occasione dell’apertura della Settimana di preghiera nella cattedrale dei santi Elia e Gregorio a piazza Debbas, a Beirut.

Rivolgendosi con parole pacate, ma ferme, ai patriarchi e ai capi delle Chiese riunite per l’occasione, presente anche il nunzio apostolico in Libano e il patriarca maronita, il patriarca Minassian non ha esitato a mettere il dito sulla piaga, affermando che le divisioni sono proprie dell’uomo, e che la via maestra per risolvere una volta per tutte la questione è quella di mettere fine a tutti “gli egoismi individuali e collettivi”.

La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani si tiene ogni anno dal 18 al 24 gennaio. In tutte le chiese del Libano e del mondo, questi otto giorni sono caratterizzati da meditazioni quotidiane che i fedeli presenti alla messa possono seguire in un libretto messo a loro disposizione dal Consiglio delle Chiese del Medio oriente (Cemo).

Quest’anno le meditazioni sono state affidate dal Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani al Cemo, che ha sede a Beirut. Il loro tema è tratto dalle parole pronunciate dai re magi al loro arrivo a Gerusalemme e riportate dal Vangelo secondo Matteo: “Poiché noi abbiamo visto la sua stella in Oriente e siamo venuti per adorarlo”. Al centro di queste riflessioni, la situazione assai difficile dei cristiani oggi in Oriente e l’urgenza di lavorare per l’unità. È stato il capo della Chiesa armena cattolica, ospite della cerimonia, a pronunciare l’esortazione centrale.

Dei “gesti che non corrispondono alle buone intenzioni”

Lontano dalle formule edulcorate delle meditazioni tradizionali, il patriarca Minassian ha ricordato ai suoi pari che “le Chiese continuano a subire divisioni che le hanno fatte a pezzi in passato” a causa degli “egoismi individuali e collettivi” mostrati dagli uomini di Chiesa e dalle gerarchie religiose. Egli ha poi affermato che “le loro azioni non corrispondono alle buone intenzioni” e “non colgono il vero significato” del sacrificio della Croce.

Denunciando una delle “architravi” dell’ecumenismo, che consiste nel “lavorare per l’unità, ma con lo scopo di trascinare gli altri verso i propri principi”, il capo della Chiesa armeno-cattolica non ha esitato a paragonare le Chiese ai soldati romani che, ai piedi della Croce, si sono divisi le vesti di Gesù.

Affrontando il delicato argomento della presenza reale di Cristo nell’eucaristia, sotto la forma del pane e del vino, egli si è mostrato meravigliato del fatto che “il cattolico rifiuti la comunione con gli ortodossi e gli ortodossi rifiutino la comunione con i cattolici”. “Ma il Cristo cattolico è diverso dal Cristo ortodosso – si interroga il patriarca Minassian – o il sacramento del battesimo è diverso nell’uno rispetto all’altro?”. Siamo ben consapevoli, prosegue, che tutti i sacramenti della Chiesa sono stati stabiliti direttamente da Cristo, quindi “dove sta la controversia? La questione non è forse tutta umana, inghiottita dall’egoismo settario, lontana da qualsiasi principio spirituale e cristiano?”.

Per alcuni ambienti ecclesiastici, non vi è dubbio che il messaggio formulato in modo così diretto dal patriarca degli armeni cattolici si riferisce alle “opacità” e agli “errori” a cui il papa ha fatto riferimento nel suo discorso ai patriarchi e ai capi delle Chiese orientali riuniti la scorsa estate in Vaticano (primo luglio). Il pontefice ha detto: “In questo frangente buio abbiamo cercato insieme di orientarci alla luce di Dio. E alla sua luce abbiamo visto anzitutto le nostre opacità: gli sbagli commessi quando non abbiamo testimoniato il Vangelo con coerenza e fino in fondo, le occasioni perse sulla via della fraternità, della riconciliazione e della piena unità. Di questo chiediamo perdono”. In quel caso il papa aveva parlato a nome di tutti. Forse è giunto il tempo che le Chiese orientali parlino ciascuna per conto proprio?

Vai al sito

Post Patto di Varsavia: i doppi standard dell’OTSC (Osservatorio Balcani E Caucaso 18.01.22)

L’Organizzazione per il Trattato di Sicurezza Collettiva (OTSC), che dal 1992 sostituisce di fatto il Patto di Varsavia e alla quale aderiscono sei stati membri, ha avuto comportamenti del tutto differenti riguardo la recente situazione in Kazakhstan e nel conflitto tra Armenia e Azerbaijan. Un’analisi

18/01/2022 –  Marilisa Lorusso

Le drammatiche proteste in Kazakhstan  hanno preso avvio il 2 gennaio a Zhanaozen, città che era già stata teatro di rivendicazioni di aumento salariale per i lavoratori del ricco settore nazionale degli idrocarburi. Sono state scatenate dal quasi raddoppio del prezzo del carburante e sono presto diventate di portata nazionale. Le rivendicazioni economiche sono rapidamente evolute in politiche. Nel paese vige una totale mancanza di meccanismi di alternanza al potere, con un establishment che si è protratto dai tempi sovietici. E oltre che politiche le proteste sono diventate anche violente, con la messa a ferro e fuoco di edifici governativi.

Il governo non ha riconosciuto i moti come di matrice interna, classificandoli come il prodotto di terrorismo internazionale, e per questo il 5 gennaio ha chiamato in causa l’Organizzazione per il Trattato di Sicurezza Collettiva (OTSC). Il Trattato è del 1992 e sostituisce di fatto il Patto di Varsavia, l’organizzazione militare dell’ex blocco sovietico. Si è strutturato in organizzazione nel 2002 e rispetto al Patto di Varsavia è in versione molto ridotta, con solo 6 stati membri cioè Russia, Bielorussia, Armenia e i tre paesi asiatici di Kazakhstan, Kirghizistan e Tagikistan. In 30 anni l’Organizzazione non era mai stata operativa nonostante i precedenti disordini del 2010 in Kirghizistan, gli scontri al confine fra Afghanistan e Tagikistan nel 2015, ma soprattutto la guerra armeno-azera nel 2020 e gli scontri transfrontalieri armeno-azeri nel 2021.

Come la NATO la OTSC ha funzione difensiva in caso di attacchi da parte di stati non membri e quindi non per redimere questioni di ordine pubblico o sicurezza interni agli stati membri. Ma – come il Patto di Varsavia a suo tempo – per il momento la OTSC è stata dispiegata solo una volta (il Patto a Praga nel 1968), adesso in Kazakhstan, e con funzione non di difesa militare per un attacco di un paese terzo ma di polizia all’interno di un paese membro.

L’Armenia e la OTSC

L’Armenia è l’unico dei paesi caucasici a fare parte dell’organizzazione, dopo il ritiro nel 1999 di Georgia e Azerbaijan. Con la salita al governo di Pashinyan i rapporti fra l’OTSC e l’Armenia hanno conosciuto un minimo storico. Nel 2018 il Segretario Generale dell’OTSC, l’armeno Yuri Khachaturov, è finito sotto processo quando a Yerevan il nuovo governo investigava sulle repressioni post elettorali  del 2008, decapitando di fatto la OTSC. Ne sono emerse frizioni con Mosca e con l’Organizzazione.

La OTSC è rimasta inattiva durante gli scontri del 2016 e anzi, proprio il Kazakhstan aveva rifiutato di tenere un incontro dell’organizzazione a Yerevan quell’anno perché il paese era ritenuto “poco sicuro”. Di nuovo, nel pieno dei combattimenti, a ottobre 2020, Pashinyan aveva messo nero su bianco a Putin che i combattimenti riguardavano l’Armenia de jure, non solo il Karabakh, e che era quindi competenza della OTSC di intervenire. La risposta è invece arrivata dal ministero degli Esteri russo che aveva ricordato l’accordo russo-armeno del ’97 di mutua collaborazione e protezione, in caso di necessità. Insomma, per l’Armenia la OTSC non c’è stata, né nel pieno della guerra, né dopo, quando sono cominciate le rivendicazioni territoriali transfrontaliere per la mancata delimitazione e demarcazione del confine con l’Azerbaijan.

A luglio 2021 lo scontro verbale fra l’Armenia e il segretario della OTSC, il bielorusso generale Stanislav Zas, è stato evidente: mentre gli scambi di fuoco lasciavano (come lasciano tuttora) nuovi morti sul terreno, questo ultimo ha negato che ci fossero conflitti transfrontalieri. Gli ha risposto pubblicamente  il Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale armeno Armen Grigoryan invitandolo in sostanza a non dire sciocchezze e venire in Armenia a rendersi conto della situazione. A settembre finalmente Zas si è recato in Armenia, ma alla seguente riunione dei ministri degli Esteri e della Difesa quel mese a Dušanbe mancavano i due rappresentanti armeni perché, questa la motivazione ufficiale, si era rotto l’aereo…

Il dispiegamento

In un momento quindi non splendido nei rapporti OTSC-Armenia, la sorte ha voluto che sia toccato proprio a Nikol Pashinyan annunciare le consultazioni per il primo, storico, dispiegamento di forze dell’Organizzazione in base all’articolo 4 del trattato che recita: “In caso di aggressione (attacco armato che minacci la sicurezza, la stabilità, l’integrità territoriale e la sovranità) contro qualsiasi stato membro, tutti gli altri stati membri, su richiesta di tale stato membro, forniscono immediatamente a quest’ultimo l’aiuto necessario, anche militare”.

Da gennaio la presidenza a rotazione dell’Organizzazione è armena, per cui è stata incaricata Yerevan di coordinare gli incontri politici. Il dispiegamento pratico invece è stato organizzato e amministrato da Mosca. La sera del 7 gennaio Pashinyan ha firmato per mandare in Kazakhstan un centinaio di peacekeepers armeni, parte del contingente di oltre 3000 uomini.

Tutti i paesi che hanno partecipato a questa prima missione dell’Organizzazione hanno sottolineato che il ruolo dei propri uomini sarebbe stato quello di presidiare le infrastrutture. La questione è delicata: in Kazakhstan vivono numerose minoranze, e fare parte del contingente che contribuisce a una repressione – invocata dal presidente kazako Tokajev come feroce – rischia di esporre le minoranze locali a rischi, di innescare scontri interetnici. Sono circa 25.000 i cittadini kazakhi di origini armene, per cui Yerevan ha ricusato – come le altre capitali dell’OTSC – un ruolo di repressore delle proteste.

La missione è durata circa una settimana, e mentre le forze dell’OTSC si ritiravano via Mosca (a parte i kirghisi per prossimità fisica), e divampava il dibattito fra gli analisti sull’importanza di questa prima operazione dell’Organizzazione, a Yerevan si cercava di mandare giù il retrogusto amaro di aver dovuto fare per altri quello che non è stato fatto per il paese. ll Segretario del Consiglio di Sicurezza Nazionale Grigoryan ha commentato  : “Non dobbiamo comportarci come un ragazzino offeso… confidiamo che in futuro, si dovesse trovare in una situazione da aver bisogno di aiuto l’Armenia, lo riceverà”.

Il quadro è stato molto chiaro, e la differenza di priorità, supporto politico e militare, del coinvolgimento dei vertici dell’Organizzazione – con Zas che si è recato immediatamente in Kazakhstan – è spiccata agli occhi di tutti. L’ironia della sorte ha spinto in prima fila nelle operazioni proprio la negletta Armenia. Decisamente un rospo difficile da digerire.

Vai al sito

Emmanuel Tjeknavorian, a 26 anni il concerto d’addio al violino: «D’ora in poi voglio solo dirigere»

Austriaco con origini armene, è figlio d’arte. Il padre Loris, compositore e direttore d’orchestra, da otto anni gli insegna la direzione

Se il passaporto dice che è austriaco, i tratti del volto, forti e bruni, svelano un’identità armena. Radici diverse che s’intrecciano felicemente in Emmanuel Tjeknavorian, giovane talento del violino, nato a Vienna 26 anni fa da una famiglia di musicisti. Suo padre Loris Haykasi Tjeknavorian, compositore e direttore d’orchestra iraniano-armeno ha guidato per molti anni l’Armenian Philharmonic Orchestra, la madre pianista professionista.

«E così, a due anni già mi agitavo su un palco cercando di imitare i gesti di mio padre, a cinque, dopo che si era rotto il mio violino giocattolo, chiesi ai miei di regalarmene uno vero, a sette debutto in pubblico accompagnato al piano da mia madre. E a 20 il premio Sibelius», riassume Emmanuel, martedì 18 al Conservatorio per la Società del Quartetto con pagine di Mozart, Poulenc, Čajkovskij e Schumann da interpretare in duo con il pianista Maximilian Kromer, suo connazionale e coetaneo.

Siete anche amici?
«Ci conosciamo da quando eravamo adolescenti. Siamo diventati subito amici dentro e fuori scena. Suoniamo insieme dal 2014 e ogni volta ritrovarsi è una festa. Fare musica è fantastico, con un amico anche di più».

Inseparabile anche il legame con il suo violino, uno Stradivari «Cremona» 1698. Che rapporto si è stabilito con questo vecchissimo amico?
«Emozionante. Uno strumento versatile, sorprendente, suonarlo per me è una grande gioia e una grande responsabilità. A volte mi scopro a pensare che lui è venuto al mondo così tanto tempo fa, prima ancora di Mozart e di Beethoven. Eppure, quando entro in una sala di oggi e lo abbraccio, lui inizia a suonare con l’energia e la freschezza di un giovanotto!».

Raggiungere il successo così presto le ha comportato delle rinunce?
«Se si ama la musica profondamente come la amo io, nessuna rinuncia. Solo felicità».

Ama altri tipi di musica?
«Rispetto tutti i generi, ma per essere del tutto onesto, è solo la classica che amo».

Altre passioni oltre la musica?
«Il calcio. Ho giocato tutti i giorni fino a 19 anni. Adesso non più ma continuo a tifare per la mia squadra del cuore, il Real Madrid».

Lei è nato in occidente ma la storia della sua famiglia è nell’Armenia. Quanto contano per lei quelle radici?
«Moltissimo. Non conosco l’armeno ma i miei sentimenti verso quella terra e il suo popolo sono molto forti, difficili da esprimere. I miei nonni vengono da lì, il nonno dall’Armeni orientale, la nonna da quella occidentale, fuggiti al genocidio del 1915. Loro non erano musicisti ma spinsero tutti i loro figli a imparare uno strumento. Mio padre Loris scelse il violino. Aveva otto anni».

Lo stesso suo strumento.
«Mio padre è stato determinante nella mia formazione. Sotto la sua guida da otto anni studio direzione d’orchestra. Una doppia attività, podio e violino, molto stimolante. Ti consente di approfondire le partiture con il tuo strumento, e di stabilire maggiore sintonia con gli archi, che sono di gran lunga la sezione più ampia in un’orchestra».

Si è già cimentato come direttore?
«Ho debuttato con i Münchner Symphoniker e con la Camerata Salzburg. E tra poco inizierò a dirigere delle opere liriche».

E il violino? Continuerà a suonarlo?
«La mia doppia carriera terminerà a settembre. Intendo dedicarmi totalmente al podio, mentre come violinista terrò solo qualche apparizione speciale. La mia seconda vita inizia quest’anno».

Vai al sito

Armenia – Tempio di Garni fra le meraviglie dell’antichità (Assadakah 17.01.22)

Assadakah Yerevan – La rivista online belga “Le Vif Weekend” ha pubblicato l’elenco dei migliori monumenti architettonici relativi al patrimonio del periodo romano antico (754/753 a.C. – 476 d.C.).

Il Tempio Armeno di Garni è incluso nella lista dei primi 51 monumenti più belli. È il 37° della lista. Il Tempio di Garni è l’unico edificio colonnato greco-romano in piedi in Armenia e nell’ex Unione Sovietica. Costruita in ordine ionico nel villaggio di Garni, nell’Armenia centrale, è la struttura più nota e simbolo dell’Armenia precristiana. La struttura fu costruita dal re Tiridate I nel I secolo d.C. come tempio del dio del sole Mihr.

Il Colosseo di Roma è in cima alla lista dei monumenti più belli del mondo. Il Colosseo è un anfiteatro ovale nel centro della città di Roma, in Italia, appena ad est del Foro Romano. È il più grande anfiteatro antico mai costruito ed è ancora oggi il più grande anfiteatro permanente del mondo, nonostante la sua età.

Vai al sito

La Turchia prepara improvvisamente panini dolci con tutti i suoi vicini, anche con l’Armenia (Qwertymag.it 17.01.22)

Definito l’ordine del giorno del prossimo incontro: non c’erano altri risultati in vista per il primo incontro tra i rappresentanti ufficiali di Turchia e Armenia, svoltosi venerdì a Mosca. Tuttavia, è stato un incontro storico dopo tre decenni di animosità. I due Paesi affermano di puntare a “normalizzare le relazioni”.

Il riavvicinamento è anche la millesima trasformazione consecutiva nella politica estera del governo turco. Un anno e mezzo fa, la Turchia ha avuto conflitti con quasi tutti i paesi della regione, dall’Egitto all’Arabia Saudita e da Israele all’Iraq. All’inizio dello scorso anno, Ankara si è resa conto che non era più così. Da allora, la Turchia ha calmato i disaccordi uno per uno.

L’Armenia ora può essere sospesa. I due paesi hanno nominato inviati per porre fine alla freddezza nelle relazioni. L’alto diplomatico turco Serdar Kılıç e il vicepresidente del parlamento armeno Rubin Rubinyan hanno iniziato venerdì. Le due parti hanno affermato che i colloqui si sono svolti in un “atmosfera positiva e costruttiva”.

Genocidio armeno

I paesi vicini sono in disaccordo da quasi trent’anni. La Turchia si è affrettata a riconoscere il nuovo stato dell’Armenia dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, ma le relazioni diplomatiche non sono mai state raggiunte. Nel 1993 scoppiò una guerra tra Armenia e Azerbaigian sulla regione del Nagorno-Karabakh e la Turchia si schierò con l’Azerbaigian. Gli azeri appartengono ai popoli turchi. Il confine tra Armenia e Turchia è stato chiuso, il commercio interrotto.

La Turchia si è dimostrata ancora una volta un alleato dell’Azerbaigian quando si è scontrata di nuovo con l’Armenia sul Nagorno-Karabakh nel 2020. Grazie all’aiuto dell’esercito turco, che ha schierato molti droni, gli azeri hanno vinto. Hanno riconquistato gran parte dell’area contesa.

Un uomo trasporta oggetti dalla sua casa in Azerbaigian che è stata distrutta dai bombardamenti armeni. La Turchia è stata al fianco dell’Azerbaigian negli scontri armeno-azerbaigiani del 2020 intorno alla regione assediata del Nagorno-Karabakh.immagine AP

Sebbene turchi e armeni abbiano deciso di lasciarsi alle spalle questo incidente, le relazioni tra i due paesi sono sospese su uno shock molto più grande: il trauma del genocidio armeno del 1915. Le due parti non saranno mai d’accordo sulla sua datazione. Anche il termine “genocidio” è tabù per i turchi.

Tuttavia, ciò non impedisce ai due governi di compiere passi concreti. Alla fine dell’anno scorso è stato annunciato che il traffico aereo tra Yerevan e Istanbul sarebbe ripreso a febbraio dopo una pausa di tre decenni. L’Armenia afferma di aspettarsi di aprire le frontiere terrestri e di stabilire relazioni diplomatiche.

Litigio sui profughi

Le parole “scioglimento” e “normalizzazione” sono diventate di recente parole chiave nella politica estera di Ankara. Il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan ha fatto molta strada in questo senso. Una volta, fino a una decina di anni fa, la strategia ufficiale era “zero problemi” con i vicini, ma si è rivelato il contrario.

Il livello più basso è stato raggiunto nel 2020. Con una serie di paesi arabi (Arabia Saudita, Egitto, Siria, Emirati Arabi Uniti), la Turchia è in disaccordo. Nel Mediterraneo, la marina turca è in massima allerta a causa del conflitto con Grecia e Cipro per le scoperte di gas. Le relazioni con l’Unione Europea sono state peggiori che mai dopo che Erdogan ha minacciato di aprire le “porte dell’Europa” a 4 milioni di profughi siriani. La Turchia ha discusso con gli Stati Uniti per l’acquisto di un sistema di difesa antiaerea russo.

Ma ora Erdogan ha dato un ruolo importante al volante. I panini dolci vengono sfornati di nuovo con tutti. C’è un dialogo costruttivo con Egitto, Grecia e Israele, e tutto questo è positivo con gli Emirati, che in precedenza erano stati danneggiati. L’analista politico Talha Kos ha dichiarato nella sua colonna sul quotidiano filogovernativo: Mattinata quotidiana Una svolta in politica estera.

Il mese prossimo, Erdogan farà il prossimo grande passo. Si reca poi in visita ufficiale in Arabia Saudita, casa del giornalista Jamal Khashoggi, smembrato nell’ottobre 2018 presso il consolato saudita a Istanbul – con rabbia dei turchi – da una squadra speciale. Domanda più scottante: Erdogan stringerà la mano al principe ereditario Mohammed bin Salman a Riyadh, l’uomo che probabilmente ha ordinato l’assassinio?

Vai al sito

Raphael Bedros XXI apre la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani a Beirut (Vaticanews 16.01.22)

Il patriarca di Cilicia dei cattolici armeni Raphael Bedros XXI Minassian richiama la preghiera che ogni cristiano recita nel Sacramento della Penitenza nell’aprire a Beirut in Libano la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani. “Quando ricorriamo alla confessione, diciamo: ‘Perdonami, Padre, perché ho peccato nei pensieri, nelle parole, nelle opere e nelle omissioni”, ricorda il patriarca nella cattedrale armeno-cattolica di Sant’Elia e San Gregorio Illuminatore, sottolineando che spesso, proprio a proposito di unità, le intenzioni e le parole non corrispondono alle azioni e pur desiderando l’unità, non se ne comprende pienamente il vero significato. “Siamo dispersi sulla terra, e siamo caduti nel tumulto dell’egoismo individuale e collettivo e – aggiunge – abbiamo dimenticato il nostro Redentore. Abbiamo analizzato e spiegato il mistero della Redenzione secondo la nostra volontà e il nostro concetto personale, ma abbiamo dimenticato il suo scopo, che è la salvezza”.

La luce di Betlemme

In molti ci si è impegnati duramente e insistentemente per l’unità, osserva Raphael Bedros XXI, talvolta però con l’obiettivo di avvicinare gli altri ai propri principi. “Come fecero i soldati romani sotto la croce per la veste di Gesù, così anche noi litighiamo per l’abito di Cristo”, afferma il patriarca Minassian. Cristo, prosegue, “non è nato e non è stato crocifisso per un certo gruppo, per una élite, ma per tutte le nazioni, per la salvezza di tutta l’umanità”. Per Raphael Bedros XXI è alla luce di Betlemme che occorre guardare, alle origini dell’annuncio della salvezza ai pastori, ai Magi e giunto “fino a noi, battezzati e confermati nell’appartenenza a Cristo Salvatore, il Cristo che nasce ogni giorno e in ogni chiesa nel mistero dell’Eucaristia”, che è “lo stesso in tutti i riti e in tutte le Chiese”.

L’arma della preghiera contro le divisioni

Di fronte alle divisioni, per il patriarca di Cilicia dei armeni, è necessario tornare “all’arma della preghiera”. “Quella preghiera che si recita insieme e si completa con le azioni. Quella preghiera – prosegue Raphael Bedros XXI – che porta a dirci l’un l’altro che non c’è disaccordo nel sacramento del Battesimo, non c’è disaccordo nel sacramento dell’Eucaristia, non c’è disaccordo nel pregare insieme in tutte le Chiese, cattoliche e ortodosse, e anche in tutte le altre Chiese”. Il patriarca Minassian rimarca poi che, se è vero che ogni Chiesa ha la sua tradizione ed eredità, “tutti insieme siamo parte di una bella sinfonia armoniosa che deve glorificare il Creatore” e che è doveroso “iniziare una nuova vita rafforzata dall’amore e dalla solidarietà, tenendo lontani i turbamenti e le ragioni che ci separano gli uni dagli altri, e dal nostro Salvatore, che ha dato la vita per noi, ma è rimasto e rimane nel mistero dell’Eucaristia”. E se ci sono cattolici che rifiutano la comunione con gli ortodossi e ortodossi che rifiutano la comunione con i cattolici, il Cristo cattolico non è diverso dal Cristo ortodosso, così come non è diverso il sacramento del Battesimo, poiché tutti i sacramenti nella Chiesa sono stati stabiliti direttamente da Cristo. Le dispute sono dunque umane, causate da egoismo e settarismo e lontane da ogni principio spirituale e cristiano, conclude il Patriarca di cilicia degli armeni, che auspica una via verso l’unità fra cristiani senza condizioni né restrizioni.

Vai al sito

TURCHIA. Iniziati a Mosca i colloqui Ankara-Yerevan (Agcnews 15.01.22)

I colloqui tra Turchia e Armenia sono iniziati il 14 gennaio a Mosca e sono considerati molto importanti non solo per i legami commerciali regionali, ma anche per la prospettiva di pace nel Caucaso.

Non ci sono state relazioni diplomatiche tra i due paesi dal 1993 dopo la vittoria dell’Armenia sull’Azerbaijan nella prima guerra del Nagorno-Karabakh.

La Turchia si considera una “nazione sorella” dell’Azerbaigian e sostiene fermamente la politica di Baku di riprendere i territori sotto occupazione etnica armena. Durante la seconda guerra del Nagorno-Karabakh del 2020, Ankara ha sostenuto l’Azerbaigian, e i droni armati turchi si sono rivelati decisivi per la vittoria azera.

Armenia e Turchia divise sull’uccisione nel 1915 di 1,5 milioni di armeni da parte dell’Impero Ottomano.

L’incontro di Mosca arriva come parte di una rinnovata iniziativa internazionale per normalizzare i legami nella regione, mentre la Russia e altri attori stranieri spingono per l’apertura di collegamenti di transito. A dicembre, Mosca ha ospitato la riunione inaugurale di una piattaforma di pace a sei vie per il Caucaso meridionale, proposta da Turchia e Azerbaigian dopo il conflitto del Nagorno-Karabakh. La piattaforma comprende Iran, Armenia, Turchia, Azerbaijan, Georgia e Russia, anche se la Georgia ha rifiutato di partecipare.

Ankara, che non ha legami diplomatici con l’Armenia, ha detto che la piattaforma 3+3 può aiutare a normalizzare i suoi legami con Yerevan.

Ci sono già stati alcuni segnali promettenti. Il primo gennaio, l’Armenia ha revocato il divieto di importazione di prodotti turchi. FlyOne Armenia e la turca Pegasus Airlines hanno anche recentemente ricevuto il permesso da entrambi i paesi di operare voli charter Yerevan-Istanbul.

Per l’Armenia, avere una frontiera aperta con la Turchia sarebbe certamente un grande vantaggio per il paese. Spezzerebbe la sua dipendenza dai due brevi confini aperti che ha con la Georgia a nord e l’Iran a sud e fornirebbe un ulteriore accesso affidabile al Mar Nero. L’isolamento geopolitico del paese sarebbe in qualche modo attenuato, così come forse la sua dipendenza dalla Russia.

Tuttavia, l’ostacolo principale ai colloqui Turchia-Armenia rimane il ruolo dell’Azerbaigian.

In un’intervista al quotidiano spagnolo El Pais a dicembre, il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev ha detto: «L’unico modo per lo sviluppo dell’Armenia è normalizzare le relazioni con l’Azerbaigian, normalizzare le relazioni con la Turchia, fare passi importanti per convincere le persone ad essere vicini, ad essere vicini normali, a non essere nemici, e ad evitare rivendicazioni territoriali».

La Turchia ha segnalato negli ultimi mesi che coordinerà strettamente la sua posizione durante i colloqui di normalizzazione con quella dell’Azerbaigian, riporta BneIntellinews.

«Ci consultiamo con l’Azerbaigian su ogni questione e prendiamo tali misure come concordato (…) Nessuno dovrebbe chiedersi se possiamo agire indipendentemente o separatamente dall’Azerbaigian. Siamo una nazione, due stati. Queste sono cose positive che andranno a beneficio di tutti noi», ha detto il mese scorso il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu.

La linea dell’Armenia negli ultimi tre decenni è stata quella di essere aperta alla “normalizzazione senza precondizioni” con la Turchia, una posizione ribadita ripetutamente dall’attuale primo Ministro Nikol Pashinyan.

Vai al sito

TURCHIA-ARMENIA/ “Genocidio e corridoio, i ricatti che rendono la pace impossibile” (Ilsussidiario 15.01.22)

Una delegazione turca e una armena si sono date appuntamento a Mosca, con il patrocinio della Russia, per porre le basi della riconciliazione tra i due paesi e la conseguente riapertura delle frontiere. Un incontro già definito storico, vista la secolare inimicizia tra i due popoli, dovuta al genocidio armeno attuato dall’allora Impero ottomano nel 1915. La Turchia non lo ha mai riconosciuto, sebbene esistano innumerevoli documenti storici, testimonianze e fotografie che inchiodano Ankara alle sue responsabilità. Ma non è solo quella tragedia a rendere difficilissima la stesura di una road map che porti alla normalizzazione dei rapporti.

Pietro Kuciukianconsole onorario armeno in Italia, ci ha detto che “un punto importante su cui esistono precondizioni difficili da superare è la richiesta turca di aprire un corridoio senza controllo armeno sul territorio di Erevan, così da collegare la Turchia al suo alleato nel Caucaso, l’Azerbaijan. Una richiesta che viola ogni principio internazionale di rispetto dei confini”.

L’incontro a Mosca fra turchi e armeni viene definito storico. Che previsioni si sente di fare? Quanto pesa il Cremlino in tutto questo?

Mosca ci tiene che finalmente si metta fine alla chiusura delle frontiere tra i due paesi, ma le cose non sono così semplici come si potrebbe pensare. Un tentativo era già stato fatto circa dieci anni fa con l’intervento di Hillary Clinton, un tentativo che dichiarava come nelle clausole dell’accordo non dovessero esserci precondizioni.

Cosa successe allora?

Ci fu una nottata terribile con la Clinton che correva da una parte all’altra per riuscire a convincerli. Alla fine i turchi, sollecitati dall’Azerbaijan, posero una precondizione per l’apertura delle frontiere: il riconoscimento del Nagorno-Karabakh come parte integrante dell’Azerbaijan. L’Armenia ovviamente si oppose e saltò tutto.

Cosa può far sì che questa volta l’accordo non salti?

Adesso con la sconfitta dell’Armenia nella guerra di due anni fa e la vittoria degli azeri le cose sono ovviamente cambiate. Il Nagorno è passato quasi tutto in mano azera, resta solo una piccola isola ancora armena, controllata dai peacekeeper russi. Visto che questa precondizione non c’era più, ecco che si è arrivati a questo incontro.

Quindi lei pensa sia possibile arrivare quanto meno a iniziare un percorso di dialogo?

Purtroppo ci sono voci insistenti su altre precondizioni avanzate dalla Turchia.

Quali?

Vogliono che venga aperto un corridoio che attraversa l’Armenia e congiunga la Turchia con l’Azerbaijan. Sarà un ostacolo ritengo insormontabile. I turchi usano sempre il sistema del bastone e della carota. Neanche i russi sono favorevoli a una cosa del genere, è contro ogni principio internazionale. Se attraversi un paese, è ovvio che il controllo deve essere del paese che viene attraversato. I turchi e gli azeri vorrebbero passare senza controlli. È un nodo difficilmente risolvibile.

C’è poi la questione del genocidio armeno: i turchi potranno mai riconoscerlo?

È un altro ricatto turco, vorrebbero che si definisse “il non avvenuto genocidio”. Gli armeni non potranno mai accettarlo.

Eppure nel 2005 Erdogan promise all’allora presidente armeno di istituire una commissione, aprendo gli archivi ottomani, per fare luce definitiva sul fatto. Come mai l’Armenia rifiutò?

Gli archivi ottomani sono sempre stati chiusi, è una bufala, aprono quello che vogliono loro. La documentazione è stata nascosta, molte cose anche distrutte. Dire così è un modo per far pressione, anche perché parte di questi archivi è conservata a Gerusalemme. Recentemente è stato pubblicato un libro che raccoglie tutte le fonti segrete attraverso le quali si impartivano gli ordini per il genocidio. Dire “aprire gli archivi ottomani” non significa nulla e la dimostrazione è sotto gli occhi di tutto il mondo. 

Il patriarca armeno di Costantinopoli, Sahak Mashalian, tempo fa si era detto “rattristato” del fatto che l’amministrazione Biden volesse riconoscere ufficialmente il genocidio. Come mai?

Lui vive in Turchia e deve stare attentissimo a ogni parola che dice. C’è poi un precedente molto importante. Un giornalista turco di origine armena che cercava sempre la riconciliazione e che poi è stato assassinato sulla porta del giornale che dirigeva, diceva sempre: “Io qui in Turchia dico che c’è stato il genocidio, ma se vado in Francia dico che non c’è stato”.

Cosa intendeva con quelle parole?

Che nessuno deve tirare questa tragedia immane da una parte politica o dall’altra. Non bisogna approfittarne dal punto di vista politico, non bisogna strumentalizzarla. Quello che noi armeni chiediamo è rispetto per il nostro popolo massacrato.

(Paolo Vites)

Vai al sito