Il Giornale – La famiglia Kardashian a Yerevan per ricordare il genocidio armeno (08 apr 2015)

Nel centenario del massacro la star dei reality e i familiari onoreranno la memoria dei loro antenati
Star del reality televisivo Keeping up with the Kardashians e moglie della superstar Kanye West, Kim Kardashian e la sua famiglia gireranno le prossime puntate in Armenia, dove si trovano per un motivo nobile, ricordare il centenario del massacro degli armeni sotto l’impero ottomano.
Le telecamere televisive le seguiranno dall’aeroporto di Los Angeles fino alla capitale Yerevan, dove è prevista una visita allo Tsitsernakaberd Memorial della famiglia. Il padre di Kim, Robert è armeno americano. La figlia ha parlato spesso pubblicamente dello sterminio.
Circa un milione e mezzo di persone di etnia armena sarebbero morte a partire dal 24 aprile 1915, data indicata come l’inizio della strage, in cui 250 intellettuali furono arrestati a Costantinopoli. La Turchia, a tutt’oggi, non utilizza il termine genocidio per indicare quanto avvenuto.
Nel 2011, Kim Kardashian scrisse un articolo in cui, lasciando momentaneamente da parte la sua immagine decisamente più “leggera”, chiedeva agli Stati Uniti il riconoscimento del genocidio. Sono 43 gli Stati americani ad avere preso misure in questo senso, ma Washington non ha mai fatto lo stesso. Continua

Ansa – Italia-Armenia, rilancio rapporti economici riparte da Roma (08 apr 2015)

di Cristiana Missori)
(ANSA) – ROMA – Riparte da Roma il rilancio dei rapporti tra Armenia e Italia. Politica, economia, cultura, istruzione saranno i principali temi affrontati nel corso della visita ufficiale del presidente della Repubblica armena Serzh Sarkisyan che avrà inizio domani.

”Un bilaterale intenso”, anticipa ad ANSA Nuova Europa l’ambasciatore armeno in Italia, Sargis Ghazaryan. Sarkisyan – che incontrerà il presidente Mattarella, il premier Renzi e papa Francesco – è infatti accompagnato da una delegazione di alto livello. La cifra del bilaterale sembra però essere soprattutto economica. ”Quel che vogliamo proporre a Roma è di partecipare alla prossima fase di rilancio dell’economia armena, offrendo ottime opportunità alle imprese italiane”, sottolinea il diplomatico. Malgrado la crisi economica globale, negli ultimi anni, ricorda Ghazaryan, ”il nostro interscambio è andato crescendo. passando dai 127,4 milioni di dollari del 2010 a 214,5 milioni del 2014”. In particolare, l’export armeno è passato dai 4,814 milioni di dollari (2010) ai 34,5 milioni dello scorso anno. A salire, anche le vendite di prodotti Made in Italy in Armenia, con un export passato dai circa 122 milioni del 2010 ai quasi 180 milioni del 2014. ”Dati che non rappresentano le potenzialità dell’interscambio tra i nostri due Paesi”, ma che fanno ben sperare. Continua

Comune.Venezia – Dopodomani alla biblioteca Vez “Armenia: il popolo dell’Ararat” (07 apr 2015)

Giovedì 9 aprile, alle ore 18, alla biblioteca civica Vez, in Piazzale Donatori di Sangue 10 a Mestre, si svolgerà per la rassegna “Segni … Armenia” l’incontro “Armenia: il popolo dell’Ararat”. Interverranno Nadia Pasqual, autrice della guida “Armenia e Nagorno Karabakh” e Paolo Navarro Dina, giornalista di “Il Gazzettino”.

In una nota degli organizzatori si legge: “Si tratta di un incontro per conoscere l’Armenia: una civiltà emersa ai piedi del biblico monte Ararat quasi tre millenni fa. Scopriamo la prima nazione cristiana al mondo e la sua storia travagliata, tra Anatolia e Caucaso, che ha tramandato un immenso patrimonio storico, architettonico e letterario. Un piccolo paese tra il Mar Nero e il Mar Caspio dall’incredibile varietà di paesaggi: alte e selvagge montagne, un grande lago con spiagge accoglienti, pianori dove si ergono pietre poste anticamente che permettevano ai primi abitanti di studiare il cielo… E poi le originali architetture chiamate “chiese di cristallo” nascoste nei boschi. Un popolo gentile e generoso verso gli ospiti nonostante gli eccidi e le persecuzioni subite nel corso dei secoli”. Continua

Balcanicaucaso.org – Pietro Kuciukian: i giusti tra gli ottomani (07 apr 2015)

Nel centenario del genocidio armeno, il fondatore della Foresta dei Giusti invita a riflettere sul legame tra mondo ebraico e mondo armeno e sul ruolo dei giusti ottomani, come strada per una riconciliazione possibile. Nostra intervista
Pietro Kuciukian è Console Onorario della Repubblica di Armenia in Italia e fondatore, insieme a Gabriele Nissim, di Gariwo, la foresta dei Giusti, organizzazione che promuove a livello internazionale la conoscenza e l’interesse verso le figure dei giusti di tutti i genocidi. Figlio egli stesso di un sopravvissuto al genocidio armeno, salvato da un turco, Kuciukian è un raccoglitore e divulgatore instancabile di storie che hanno per protagonisti uomini capaci di sfidare il proprio interesse e la propria epoca in nome del bene.
Console Kuciukian, so che è appena tornato da un viaggio in Israele effettuato insieme all’organizzazione Gariwo. Come è andata?
Insieme a Gabriele Nissim siamo andati in Israele invitati dalla Open University of Israel di Ra’anana e da Yair Auron, che è uno storico che si interessa di genocidi, specialmente del genocidio armeno. Nissim ha parlato dei giardini dei giusti, che stiamo promuovendo ormai in tutto il mondo e che ricordano i giusti di tutti i genocidi, e io invece ho parlato dei giusti ottomani, ma anche dei giusti armeni che hanno salvato gli ebrei, e dei giusti ebrei che hanno salvato gli armeni. Dopo siamo andati a Neve Shalom dove abbiamo inaugurato un nuovo giardino, un giardino dei giusti per tutti i genocidi. Neve Shalom è una cittadina che è abitata sia da ebrei che da palestinesi. Continua

Cinquewnews – Attualità del tragico scontro tra Cristianesimo e Islamismo nel racconto di un popolo: il Genocidio Armeno (05 apr 2015)

A Cento anni dal Genocidio Armeno. L’attualità del tragico scontro tra Cristianesimo e Islamismo nel racconto di un popolo. Siamo in pieno Centenario del Genocidio Armeno. Una memoria che si decifra nella storia di una tragedia. Non dobbiamo dimenticare. Abbiamo il dovere di non di non dimenticare. Il sentimento del rispetto è il vissuto che si fa memoria da condividere soprattutto in un contesto come quello che stiamo vivendo. La cultura armena è una di quelle presenze etniche che andrebbe studiata con più attenzione e con un particolare riguardo soprattutto ai processi antropologici e religiosi che hanno una profonda matrice cristiana. Non può essere più non considerata una cultura a sé rispetto a quelle che vengono normalmente tutelate da una legge che salvaguarda e valorizza le lingue minoritarie (ma con le lingue chiaramente entrano in gioco anche gli aspetti etno – antropologichi e letterari.

Mi riferisco certamente ad una cultura che ha antiche radici e ad una “minoranza” che va considerata storica. Ha un patrimonio artistico e letterario abbastanza consistente e considerevole anche dal punto di vista di una letteratura che ha saputo esprimere una forte tensione sia politica che esistenziale. Continua

Redattoresociale.it – Genocidio armeni, Consiglio regionale toscano esprime “piena solidarietà”. (25 mar 2015)

FIRENZE – Approvata all’unanimità in Consiglio regionale toscano una risoluzione che esprime “piena solidarietà” al popolo armeno in occasione del centenario del “Grande Male”, il genocidio del popolo armeno nel 1915 che ricorre il prossimo 24 aprile.
L’atto è stato presentato da Mauro Romanelli (gruppo Misto),Daniela Lastri (Pd), Gian Luca Lazzeri (Più Toscana). Si richiama la deportazione e il massacro del 1915 riconosciuti come genocidio da Onu, Parlamento europeo, Parlamento italiano e perfino, come ricorda la risoluzione, dalla Corte Marziale ottomana nel 1919. Continua

Avvenire – ARMENI Papa Benedetto XV contro il genocidio (04 apr 2015)

Vito Punzi
4 aprile 2015

Dopo una lunga ricerca sviluppatasi tra Archivio Segreto Vaticano e nunziature di Monaco di Baviera e Vienna, lo storico Michael Hesemann ha appena pubblicato i frutti del suo lavoro dedicato al genocidio degli armeni (Völkermord an den Armeniern, Herbig Verlag, pp. 352, euro 25), il cui valore è dato dall’aver potuto consultare circa duemila pagine di documentazione inedita. Autore di una biografia su Pio XII, nel 2008 il tedesco di Düsseldorf stava lavorando ad un secondo libro sul Pastor Angelicus al fine di dimostrare in forma ancor più convincente il suo impegno coraggioso a difesa degli ebrei perseguitati, quando – ottenendo per la prima volta l’accesso all’Archivio Segreto Vaticano – poté prendere visione dei documenti concernenti l’attività di Pacelli quale nunzio a Monaco e Berlino negli anni 1917-1929.

«Fu allora che m’imbattei in un documento che mi colpì profondamente – racconta Hesemann –. Si tratta dell’appello accorato dell’allora arcivescovo cattolico di Colonia, il cardinale Felix von Hartmann, al cancelliere del Reich affinché venissero impedite ulteriori violenze contro gli armeni da parte degli alleati turchi. La “persecuzione degli armeni del 1915”, scriveva Hartmann, non avrebbe nulla da invidiare “quanto a efferatezza, alle persecuzioni dei cristiani dei primi secoli”. Il cardinale le definiva “atrocità al cospetto di Dio” che “gridano al Cielo” e riteneva il governo imperiale moralmente in dovere di intervenire. Hartmann era un conservatore, un fervido nazionalista, dunque il fatto che si fosse espresso in quei termini a difesa degli armeni mi ha fatto immaginare quanto fosse rimasto scosso dalle notizie che arrivavano da Oriente. Da quel momento ho iniziato la mia ricerca». Continua

Montagna.tv – Ararat, una mostra e una serata al Cai Milano (03 apr 2015)

MILANO — Si inaugura martedì prossimo 7 aprile nella sede del Cai di Milano una mostra dedicata al monte Ararat, la cima di oltre 5000 metri situata nella Turchia orientale. La galleria delle foto scattate da Paolo Miramondi, che ripercorre un trekking svoltosi nell’estate 2014 sulle tracce del popolo armeno, verrà presentata alle 20:45 in via Duccio di Boninsegna: interverranno Pietro Kuciukian, Console onorario della Repubblica Armena, il giornalista Lorenzo Cremonesi e Baykar Sivazliyan, Presidente dell’Unione Armeni d’Italia.
Ararat è un vulcano con due coni che sorge isolato in una pianura sita mediamente a 800 metri che rende ancora più imponente l’elevazione fino a quasi 4.000 metri della cima del piccolo Ararat e a 5.138 metri della cima principale. Ancora di più Ararat è montagna sacra per diversi popoli e culture e in particolare è luogo identitario negato al popolo armeno che da queste terre fu deportato dall’impero ottomano con l’esito drammatico di un genocidio di cui ricorre il 24 aprile prossimo il 100° anniversario. Continua

La Stampa – Cipro, Armeni: reato negare. (03 apr 2015)

Cipro: reato negare il genocidio armeno Cipro ieri ha reso criminale negare il fatto che i turchi ottomani abbiano commesso un genocidio contro gli Armeni un secolo fa. Il parlamento cipriota ha approvato una risoluzione che prevede che sia punito penalmente chi nega genocidi, crimini di guerra e crimini contro l’umanità. Il parlamento di Yerevan condanna il “genocidio greco” e il genocidio assiro” compiuti contestualmente a quello armeno. Continua

RAI3 – Pane quotidiano. Andrea Riccardi parla del genocidio dei cristiani armeni. (03 aprile 2015)

Andrea Riccardi, fondatore della comunità di San Egidio ed autore del libro “La strage dei cristiani. Mardin, gli armeni e la fine di un mondo” ospite, il 3 aprile 2015, nel programma “Pane Quotidiano” di RAITRE, parla del genocidio armeno . Vai al servizio